prova Long Time Dead: film

Long Time Dead

Long Time Dead
Titolo originale: Long Time Dead
Produzione:
Durata: 1h e 34'
Genere: Horror
Regia: Marcus Adams
Uscita: 2002-06-14
Attori principali: Lara Belmont (Stella), Alec Newman (Liam), Joe Absolom (Rob)
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 0.0/10 (0 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Un gruppetto di amici, dopo una serata in discoteca, decide di provare una seduta spiritica. Qualcosa per├▓ va storto e viene evocato un demone: un Djiin. L’unica speranza di rimandarlo indietro sembra essere quella di recitare uno speciale incantesimo, ma il demone inizia ad ammazzarli uno ad uno…

Trama dettagliata
Un gruppetto di amici, dopo una serata in discoteca, decide di provare una seduta spiritica. Accendono la telecamera e iniziano a riprendere l’avvenimento. Ma presto, quello che doveva essere un modo piacevole di passare il tempo, si trasforma in un vero e proprio incubo. Un ragazzo scappa terrorizzato, e gli altri rimangono a contemplare l’accaduto. Qualcosa infatti Ŕ andato storto, Ŕ stato evocato un demone: un Djiin.

Liam e Annie salgono sul tetto, ma quando si separano Annie ha uno spiacevole incontro col demone. Il mostro la ferisce alle gambe e la fa cadere dalla vetrata sopra la discoteca. Mentre tutti si interrogano sulla misteriosa morte della loro amica, una strana presenza terrorizza Stella, che ne esce incolume.

L’unica speranza di rimandarlo indietro sembra essere quella di recitare uno speciale incantesimo d’esilio, l’alternativa Ŕ morire tutti!
Nel frattempo alcuni ragazzi, nel tentativo di recuperare un fusibile dall’abitazione del loro padrone di casa, scoprono dei ritagli di giornale che lo collegano al Djiin e al padre di Liam. Quest’ultimo in manicomio per aver ucciso la moglie con ustioni molto simili a quelle rinvenute sul collo di Annie.

Mentre la polizia esplora la casa del vicino, Liam si reca a trovare il padre con la speranza di ottenere informazioni utili. Un’altra ragazza muore, sempre a causa strane ustioni, nel bagno di un locale pubblico. La stessa sorte tocca a due dei ragazzi, che si recano a recuperare la telecamera.

Si inizia a capire che il demone possiede uno dei ragazzi, tutti gli indizi sembrano lasciare capire che Ŕ Rob, ma nessuno dei tre superstiti se ne rende conto. Fallito il tentativo di esiliare il demone per mezzo di un incantesimo, viene confermata l’identitÓ del demone che uccide un altro ragazzo (sempre nello stesso modo).

Rimangono solo Stella e Liam, ancora ignari dell’identitÓ del Djiin. Il padrone di casa colpisce Rob alle spalle e gli versa addosso della benzina, ma Liam credendolo complice del demone lo butta gi¨ dalle scale, poi lo insegue e lo ammazza.

Stella intanto viene ritrovata morta. ├ł a questo punto che il demone svela a Liam la sua vera identitÓ, Liam per├▓ gli dÓ fuoco e lo sconfigge. Si reca quindi a trovare il padre… ed Ŕ qui l’unico colpo di scena di tutto il film: Liam strangola il padre. Il demone ha vinto ed Ŕ passato dal corpo di Rob a quello di Liam!
Recensione:
Un filmetto di poche pretese che avrebbe potuto essere girato da chiunque: attori sconosciuti, un regista mediocre, e una trama banale incentrata su temi visti e rivisti centinaia di volte e tutto senza la bench├ę minima variazione di sorta.

Se la bravura di un regista si vede dalla perfezione della scena, prima raffinata nella mente e poi nella pratica, girando e rigirando finche il risultato non lo soddisfa appieno. Qui di bravura non ce n’Ŕ nemmeno l’ombra: quale scena non avrebbe potuto essere migliorata? Quale?

La trama non solo Ŕ di una banalitÓ sconcertante, utilizzata in troppi film e telefilm, e piena di luoghi comuni, ma Ŕ anche troppo lineare, monotona e ripetitiva. Se il demone evocato, che uccide uno a uno i suoi evocatori, Ŕ una delle trame pi¨ scontate del cinema horror, questo film peggiora ulteriormente la situazione facendo morire tutti nello stesso identico modo, senza l’ombra di un effetto speciale decente e senza nemmeno un mostro degno di questo nome.

La tensione Ŕ pur sempre presente, anche se difficilmente vi capiterÓ di “balzare dalla poltrona”. Il film parte con un approccio originale, presentandoci un gruppo di studentelli scapestrati, ma inizia subito a deludere per poi riprendersi leggermente nel finale. ├ł qui infatti l’unico colpo di scena, che per├▓ non basta a salvare il film.

Insomma un filmetto in economia, con un cast sconosciuto, un regista mediocre (al suo primo film) che Ŕ anche sceneggiatore e pochissimi effetti speciali (tra l’altro di scarsa qualitÓ). Nonostante tutto non mi sento di sconsigliarlo totalmente: se proprio non avete altri film da vedere, e se lo guardate con lo spirito giusto potrebbe anche piacervi.
Sconsigliato invece agli amanti degli horror: rimarreste delusi (il film non regge il paragone con nessuno dei mostri sacri)
Voto: 6,0
Gik25

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione